Close
Logo

Chi Siamo

Sjdsbrewers — Il Posto Migliore Per Conoscere Il Vino, Birra E Superalcolici. Indicazioni Utili Da Parte Di Esperti, Infografica, Mappe E Altro Ancora.

Articoli

Guida allo studio degli stili di birra

Oggi ci sono centinaia di stili di birra documentati e una manciata di organizzazioni con le proprie classificazioni uniche. Man mano che gli stili di birra continuano ad evolversi, comprendere il lato sensoriale della birra artigianale ti aiuterà ad apprezzare più profondamente e condividere le tue conoscenze e il tuo entusiasmo per la bevanda della birra.

Fai un'immersione più approfondita negli stili di birra artigianale americani e migliora la tua capacità di descrivere i gusti, le consistenze e gli aromi della birra. Ecco la tua guida allo studio che ti aiuterà a prepararti a ciò che potresti incontrare durante la degustazione della birra artigianale.




Come usare la guida allo studio

Risorse scaricabili

  • Guida allo studio (PDF)
  • Scheda di degustazione

La guida allo studio degli stili di birra CraftBeer.com (di seguito e disponibile come file PDF ) è per coloro che vogliono immergersi ancora più in profondità e include statistiche quantitative sullo stile non presenti nella sezione Stili di birra. Utilizzando un elenco alfabetico di trigger, dall'alcol alla varietà di lievito, questo testo aiuterà a descrivere le possibili caratteristiche di uno specifico stile di birra.



La parte migliore dell'apprendimento della birra artigianale è assaggiare e sperimentare ciò che stai studiando. Usa il Scheda di degustazione CraftBeer.com per aiutarti ad analizzare e descrivere ciò che assaggi e se è appropriato per un particolare stile di birra.

La Guida allo studio degli stili di birra può fornire più informazioni di quelle che molti novizi della birra vogliono sapere. Tuttavia, man mano che il tuo viaggio nella birra si svolge, il tuo desiderio di più descrittori e risorse crescerà.




Tutti i birrai artigianali producono birra con stile?

La birra artigianale risiede all'incrocio tra arte e scienza. Spetta a ogni singolo produttore di birra decidere se desidera creare birra all'interno di specifiche linee guida di stile o creare un nuovo percorso e rompere gli schemi degli stili tradizionali.

Poiché così tanti birrai artigianali producono al di fuori delle linee guida di stile, è impossibile fare un elenco che rappresenti pienamente lo spettro di birre che vengono create oggi. Gli stili di birra CraftBeer.com includono molti stili comuni realizzati negli Stati Uniti oggi, ma non sono esaustivi.

Stili di birra americani comuni

I birrai artigianali utilizzano un'ampia varietà di ingredienti per ottenere l'aroma, il corpo, il sapore e la finitura che desiderano nella loro birra. Spesso prendono stili classici del vecchio mondo da grandi paesi della birra come Inghilterra, Germania e Belgio e aggiungono i loro colpi di scena modificando la quantità o il tipo di ingredienti o i processi di produzione della birra. A causa della popolarità della birra artigianale in America, ora ci sono più stili di birra accreditati in modo univoco negli Stati Uniti.



A causa della costante sperimentazione ed esplorazione degli odierni birrai statunitensi, i nuovi stili di birra sono in continua evoluzione. Ciò rende difficile, se non impossibile, documentare completamente tutti i tipi di birra prodotti in un dato momento. Un altro fattore è che i nuovi stili di birra di solito si affermano sviluppando un track record di più birrifici che producono lo stesso tipo di birra nel corso degli anni e degli anni. In altre parole, ci vuole tempo prima che un nuovo tipo di birra alla moda sia considerato uno stile di birra riconosciuto.

Per creare questa guida allo studio, abbiamo esaminato il file stili di birra del mondo riconosciuto dalla Brewers Association (editori di CraftBeer.com) e ristretto l'elenco a 79 stili in 15 famiglie di stili. I termini descrittivi sono sempre elencati dal meno al più intenso.


Panoramica della Guida allo studio

Spiegazione delle statistiche di stile quantitative

  • Gravità originale (OG) : Il peso specifico del mosto (birra non fermentata) prima della fermentazione. Una misura della quantità totale di solidi che vengono disciolti nel mosto, confronta la densità del mosto con la densità dell'acqua, che è convenzionalmente data come 1.000 a 60 Fahrenheit.
  • Gravità finale (FG) : Il peso specifico di una birra misurato quando la fermentazione è completa (quando tutti gli zuccheri fermentabili desiderati sono stati convertiti in alcool e anidride carbonica). Quando si è verificata la fermentazione, questo numero è sempre inferiore a Gravità originale.
  • Alcol in volume (ABV) : Una misura del contenuto alcolico in termini di volume percentuale di alcol per volume di birra. Attenzione: questa misura è sempre superiore all'alcol in peso (non incluso in questa guida). Per calcolare il contenuto alcolico volumetrico approssimativo, sottrarre FG da OG e dividere per 0,0075.

Esempio: OG = 1.050, FG = 1.012 ABV = (1.050 - 1.012) / 0.0075 ABV = 0.038 / 0.0075 ABV = 5.067 ABV = 5% (circa)

  • Unità internazionali di amarezza (IBU) : 1 unità di amarezza = 1 milligrammo di acidi alfa del luppolo isomerizzati (esposti al calore) in un litro di birra. Può variare da 0 (minimo - nessuna amarezza) a oltre 100 IBU. Di solito la popolazione generale non può percepire l'amarezza al di sopra o al di sotto di un intervallo specifico di IBU (detto per essere inferiore a 8 e superiore a 80 IBU da alcune fonti).
  • Rapporto di amarezza (BU: GU) : Confronto tra le IBU (unità di amarezza) e gli zuccheri (unità di gravità) in una birra. .5 è percepito come equilibrato, meno di .5 è percepito come più dolce e oltre .5 è percepito come più amaro. Formula: dividi l'IBU per le ultime due cifre della gravità originale (rimuovi 1.0) per ottenere una relativa amarezza. Nota: la carbonatazione bilancia anche l'amarezza della birra, ma non viene presa in considerazione in questa equazione. Questo è un concetto di Ray Daniels, creatore del Cicerone®Programma di certificazione.

Esempio: birra chiara con 37 IBU e un OG di 1,052 è 37/52 = 0,71 BU: GU

  • Metodo di riferimento standard (SRM) : Fornisce un intervallo numerico che rappresenta il colore di una birra. L'intervallo comune è 2-50. Più alto è l'SRM, più scura è la birra. SRM rappresenta l'assorbimento di specifiche lunghezze d'onda della luce. Fornisce un metodo analitico che i birrai utilizzano per misurare e quantificare il colore di una birra. Il concetto SRM è stato originariamente pubblicato dall'American Society of Brewing Chemists.

Esempi: Molto chiaro (1-1,5), Paglia (2-3 SRM), Pallido (4), Oro (5-6), Ambra chiaro (7), Ambra (8), Ambra media (9), Rame / Granato (10-12), Marrone chiaro (13-15), Marrone / Marrone rossiccio / Marrone castagna (16-17), Marrone scuro (18-24), Molto scuro (25-39), Nero (40+)

  • Volumi di CO2 (v / v) : I volumi di CO2 variano comunemente da 1-3 + v / v (volumi di gas disciolto per volume di liquido) con 2,2-2,7 volumi che sono i più comuni nel mercato statunitense. La carbonatazione della birra proviene dal gas di anidride carbonica, che è un sottoprodotto naturale creato durante la fermentazione dal lievito e da una varietà di microrganismi. La quantità di carbonatazione è espressa in termini di “volumi” di CO2. Un volume è lo spazio che il gas CO2 occuperebbe a temperatura e pressione standard, rispetto al volume di birra in cui è disciolto. Quindi un barile di birra a 2,5 volumi di CO2 contiene abbastanza gas per riempire 2,5 barili di CO2.
  • Attenuazione apparente (AA) : Una semplice misura dell'entità della fermentazione che il mosto ha subito nel processo di diventare birra. L'attenuazione apparente riflette la quantità di zucchero di malto che viene convertita in etanolo durante la fermentazione. Il risultato è espresso in percentuale ed è uguale al 65-80% per la maggior parte delle birre. O detto più semplicemente: oltre l'80% è un'attenuazione molto alta con poco zucchero residuo. Al di sotto del 60% si ha una bassa attenuazione con più zucchero residuo rimanente. Formula: AA = [(OG-FG) / (OG-1)] x 100

Esempio: OG = 1.080, FG = 1.020 AA = [(1.080 - 1.020) / (1.080 - 1)] x 100 AA = (0.060 / 0.080) x 100 AA = 0.75 x 100 AA = 75%

  • Esempi commerciali: Elenca alcuni esempi di questo stile prodotti da birrifici statunitensi.

La A-Z degli stili di birra

Usa questo elenco alfabetico di trigger come guida per aiutarti a descrivere le possibili caratteristiche di uno specifico stile di birra.

Alcol

  • Intervalli: non rilevabile, lieve, evidente, aspro
  • Un sinonimo di alcol etilico o etanolo, il componente alcolico primario incolore della birra.
  • Gli intervalli di alcol per la birra variano da meno del 3,2% a più del 14% di ABV. Percepito nell'aroma, nel sapore e nel palato della birra
  • L'alcol Fusel può esistere anche nella birra

Processo di fermentazione e condizionamento

  • I birrai utilizzano un'ampia varietà di tecniche per modificare il processo di produzione della birra. Alcune delle variabili con cui giocano potrebbero includere ammostamento variabile, macerazione, temperature di fermentazione uniche, aggiunte multiple di lievito, invecchiamento e miscelazione in botte, dry hopping e condizionamento in bottiglia.

Carbonatazione (CO2): Visiva

  • Gamme: nessuna, bolle a lievitazione lenta, media, rapida
  • La carbonatazione è l'ingrediente principale della birra. Dona corpo o peso alla lingua e stimola i nervi trigemino, che percepiscono la temperatura, la consistenza e il dolore al viso. La carbonatazione può essere rilevata come un aroma (acido carbonico). Influisce anche sull'aspetto ed è ciò che crea il colletto di schiuma comune alla maggior parte degli stili di birra.
  • La carbonatazione può essere naturale (prodotta dal lievito durante la fermentazione) o aggiunta alla birra sotto pressione. L'azoto può anche essere aggiunto alla birra, fornendo bolle più piccole e una sensazione in bocca più morbida rispetto alla CO2.

Chiarezza: Il grado di assenza dei solidi in sospensione nella birra è diverso dal colore e dalla brillantezza.

  • Gamme: brillante, limpido, leggermente velato, velato, opaco
  • I solidi possono includere zuccheri non fermentati, proteine, sedimenti di lievito e altro ancora.
  • Il grado di presenza dei solidi in soluzione è indicato come torbidità.

Colore (SRM): Vedi SRM sotto Quantitativo sopra.

Paese d'origine: Il paese da cui ha origine uno stile

Abbinamento gastronomico: Formaggio, antipasto, dessert

Bicchiere: La vetreria consigliata per ogni stile di birra.

Ingredienti del luppolo

  • Gamme di sapori e aromi: agrumato, tropicale, fruttato, floreale, erbaceo, cipolla-aglio, sudato, speziato, legnoso, verde, pino, abete rosso, resinoso
  • Gamme di amarezza: trattenuto, moderato, aggressivo, aspro
  • Il luppolo fornisce resine e oli essenziali che influenzano l'aroma, il sapore, l'amaro, la ritenzione di schiuma, l'astringenza e la dolcezza percepita della birra. Aumentano anche la stabilità e la durata della birra.
  • I produttori di birra oggi utilizzano oltre 100 diverse varietà di luppolo in tutto il mondo. Il luppolo coltivato negli Stati Uniti contribuisce per circa il 30% alla fornitura globale.

Ingredienti del malto

  • Gamme di sapori e aromi: farina di pane, granuloso, biscotto, pane, pane tostato, caramello, prugna secca, arrosto, cioccolato, caffè, affumicato, acre
  • Il malto è stato definito l'anima della birra. È il principale ingrediente fermentabile, fornendo gli zuccheri che il lievito utilizza per creare alcol e carbonatazione.
  • Il malto viene convertito nell'orzo o in altri cereali che sono stati macerati, germinati, riscaldati, essiccati (o tostati in un tamburo), raffreddati, essiccati e quindi fatti riposare.
  • Per produrre birra viene utilizzata un'ampia varietà di orzo e altri malti, tra cui malto pallido (pilsner e pale a due file), malto cotto a temperatura più elevata (Monaco e Vienna), malto tostato / speciale (cioccolato e nero) e orzo non maltato. Anche il malto di frumento è comunemente usato.
  • Il malto fornisce zuccheri e proteine ​​fermentescibili e non fermentabili che influenzano l'aroma, l'alcol, il corpo, il colore, il sapore e la ritenzione di schiuma della birra.

Altri ingredienti

  • Le aggiunte sono ingredienti che in genere non sono stati maltati, ma sono una fonte di zuccheri fermentabili.
  • Le aggiunte comuni includono: zucchero candito, miele, melassa, zucchero raffinato, melassa, sciroppo d'acero
  • Coadiuvanti amidacei non maltati: avena, segale, frumento, mais / mais, riso
    • Nota: molti di questi cereali possono essere maltati per creare sapori unici rispetto alle loro controparti non maltate.
  • Altro: frutta, erbe aromatiche, orzo o frumento tostato (non maltato), spezie, legno

Qualità ossidative / invecchiate

  • Può provenire da luppolo, malto o lievito. Elencato solo dove appropriato per lo stile specifico.
  • Aroma / sapore: mandorla, ribes nero, E-2-nonenal (carta / cartone), miele, metallico, sherry, calzini di sudore, altri
  • Colore: la birra si scurisce nel tempo a causa dell'ingresso di ossigeno.

Palato

  • Il palato si riferisce alle sensazioni non gustative provate sulla bocca e sulla lingua durante la degustazione di una birra. Il palato di una birra può essere percepito come:
  • Astringenza
    • Gamme: bassa, media (-), media, media (+), alta
  • Corpo
    • Gamme: essiccante, morbido, avvolgente, appiccicoso
  • Palato Carbonatazione
    • Gamme: bassa, media, alta
  • Lunghezza / Finitura
    • Intervalli: breve (meno di 15 secondi), medio (fino a 60 secondi), lungo (più di 60 secondi)

Temperatura di servizio

  • La conservazione della birra alla spina deve rimanere a 38 ° F per mantenere il livello di carbonatazione creato durante la fermentazione.
  • La temperatura di servizio della birra ha un impatto sull'aspetto sensoriale di una birra.
  • In generale, una birra mostrerà un aumento degli aromi e dei sapori percepiti se servita più calda di una birra servita a una temperatura più fresca.
  • Una regola generale prevede che le birre siano servite a una temperatura più calda (45-55 ° F) rispetto alle loro controparti lager (40-45 ° F).

Tipo di acqua

  • Descrittori di gusto comuni: gesso, pietra focaia, zolfo e altro
  • La birra è principalmente acqua, il che rende l'acqua un ingrediente piuttosto importante. Alcuni birrai producono la loro birra senza alterare la chimica delle loro fonti d'acqua. Molti modificano l'acqua per renderla più adatta a fornire le caratteristiche della birra che sperano di evidenziare. Fornisce minerali e ioni che aggiungono varie qualità alla birra.
  • Minerali comuni: carbonato, calcio, magnesio, solfato

Lieviti, microrganismi e sottoprodotti di fermentazione

  • Il lievito mangia gli zuccheri dell'orzo maltato e altri fermentabili, producendo carbonatazione, alcol e composti aromatici. Il sapore del lievito varia in base al ceppo del lievito, alla temperatura, al tempo esposto alla birra, all'ossigeno e ad altre variabili.
  • Tipi di lievito:
    • Ale: Saccharomyces Cerevisiae (estere driven). Comunemente indicato come lievito ad alta fermentazione, il più delle volte fermenta a temperature più calde (60-70F).
    • Lager: Saccharomyces Pastorianus (spesso presta composti solforici). Comunemente indicato come lievito a bassa fermentazione, il più delle volte fermenta a temperature più fresche (45-55F).
    • Lievito Weizen: comune ad alcune birre di frumento in stile tedesco ed è considerato un lievito di birra.
    • Brettanomyces: lievito di birra selvatico con aromi come cortile, frutta tropicale e altro.
    • Microrganismi: (batteri) Acetobacter (produce acido acetico), Lactobacillus / Pediococcus (produce acido lattico), altri

Sottoprodotti della fermentazione

  • Per un foglio di calcolo robusto su molti sottoprodotti o agenti nella birra, vedere Componenti aromatici nella birra (PDF)
  • Sottoprodotti comuni della fermentazione del lievito:
    • Esteri:
      • Aromi (volatili): mela, albicocca, banana, ribes nero, ciliegia, fico, pompelmo, kiwi, pesca, pera, ananas, prugna, uva passa, lampone, fragola, altri
      • Gli esteri comuni includono:
        • Isoamil acetato (comune dal lievito di birra Weizen): banana, pera
        • Acetato di etile: solvente per unghie, solvente
        • Esanoato di etile: mela rossa, finocchio
    • Fenoli
      • I fenoli comuni includono:
        • 4 vinil guaiacolo: chiodi di garofano, cannella, vaniglia
        • Clorofenoli: antisettico, collutorio
        • Syringol: fumoso, falò
        • Tannini / Polifenoli: vellutati, astringenti, carta vetrata
    • Altri sottoprodotti di fermentazione
      • I sottoprodotti comuni includono (se accettabile per lo stile):
        • 4-etilfenolo: cortile, topi
        • 4-etil-guaiacolo: carne affumicata, chiodi di garofano
        • 3-metil-2-butene-1-tiolo: fulminato
        • 2,3-butandione (diacetile)
        • Acetaldeide
        • Dimetil solfuro (DMS)
        • Solfuro d'idrogeno

Cos'è la birra artigianale? Cos'è un birraio artigianale?

Oggi è il momento migliore nella storia degli Stati Uniti per essere un amante della birra. L'americano medio vive entro 10 miglia da un birrificio e gli Stati Uniti hanno più stili e marchi di birra tra cui scegliere rispetto a qualsiasi altro mercato della birra al mondo.

La definizione di 'birra artigianale' è difficile, poiché significa molte cose diverse per molti amanti della birra diversi. Pertanto, la birra artigianale non è definita da CraftBeer.com. Tuttavia, la nostra organizzazione madre, il Associazione dei produttori di birra , definisce cosa significa essere un birrificio artigianale americano: un birrificio artigianale statunitense è un produttore più piccolo (produce meno di sei milioni di barili di birra all'anno) ed è di proprietà indipendente. Questa definizione consente alla Brewers Association di fornire statistiche sulla crescente comunità di birrifici artigianali, che rappresenta il 98% degli oltre 6.300 birrifici americani.

Visita BrewersAssociation.org per la versione completa definizione di birraio artigianale e dettagli sul segmenti di mercato dell'industria della birra artigianale : brewpub, microbirrifici e birrifici artigianali regionali.

Perché la birra artigianale?

La birra artigianale viene gustata durante le celebrazioni quotidiane ed è vista da molti come uno dei piaceri speciali della vita. Ogni bicchiere mostra la creatività e la passione del suo produttore e la complessità dei suoi ingredienti. La birra artigianale è apprezzata da milioni di persone che la considerano non solo una bevanda fermentata, ma qualcosa da condividere, venerare e gustare con moderazione (vedere Assapora il sapore ).

Nel mondo delle arti alimentari, la birra artigianale è una bevanda versatile che non solo esalta il cibo se abbinata sapientemente a un piatto, ma viene spesso portata in cucina come ingrediente di cottura. Per questo motivo, vedrai gli abbinamenti di cibo suggeriti per ogni stile in questa guida. Se desideri approfondire ulteriormente la birra e l'abbinamento cibo, dai un'occhiata CraftBeer.com's Beer & Food Course (un download gratuito).


Guida allo studio degli stili di birraè stata modificata l'ultima volta:8 maggio 2018dinatewebman