Close
Logo

Chi Siamo

Sjdsbrewers — Il Posto Migliore Per Conoscere Il Vino, Birra E Superalcolici. Indicazioni Utili Da Parte Di Esperti, Infografica, Mappe E Altro Ancora.

Articoli

Zuppa di alfabeto: decodifica degli acronimi delle denominazioni dei 10 principali paesi vinicoli

Mai guardarne alcuni etichette di vino e trovi i tuoi occhi che nuotano in quello che sembra un codice? Non sei il solo.

Tra le miriadi di informazioni raccolte su ciascuna etichetta (produttore, vitigno ) è la denominazione del vino, solitamente designata da un acronimo da due a quattro lettere. Scritte come abbreviazioni come AVA, AOP e DOC, le denominazioni sono criteri specifici per paese che classificano le regioni e i processi con cui vengono prodotti i vini. Per i bevitori, sono uno strumento inestimabile per decifrare cosa c'è nel tuo bicchiere, chi lo ha fatto e come è arrivato lì.



Consulta la nostra guida alle denominazioni regionali per una ripartizione paese per paese del significato di questi acronimi in 10 nazioni produttrici di vino in tutto il mondo. A partire dal Francia e Italia , per Argentina e Germania , questo è il tuo cheat sheet per sbloccare un mondo di vino.



Questo è l'ultimo cavatappi che comprerai mai

Francia

DOP: Denominazione di Origine Protetta

Precedentemente AOC , questa è la classificazione superiore e più rigorosa per il vino francese, con standard geografici e di qualità regolamentati. Esempi inclusi Sancerre , Graves e Hermitage.

IGP: Indicazione Geografica Protetta

Precedentemente VDP, questa classificazione presenta regole meno rigide rispetto alle normative AOP, come rese più elevate, limiti geografici più ampi e varietà di uva aggiuntive consentite nelle miscele, offrendo ai produttori di vino più libertà nel processo di vinificazione. Gli esempi includono Pays d’Oc, Val de Loire e Pays d’Hérault.



VDF: Vino di Francia

Precedentemente noto come Vin de Table, VDF presenta il minor numero di restrizioni nel sistema di classificazione dei vini francese. Le varietà di uva possono essere menzionate sull'etichetta, anche se le indicazioni regionali o geografiche potrebbero non esserlo.

Francia

Le regioni produttrici di vino in Francia sono designate da tre classificazioni.

Italia

DOCG: Denominazione di Origine Controllata e Garantita

La classificazione più alta nel vino italiano. I vini DOCG provengono da rese inferiori rispetto ai vini DOC (vedi sotto), invecchiano più a lungo e devono superare un'analisi prima dell'imbottigliamento. Esempi inclusi Brunello di Montalcino , Barbaresco e Franciacorta.



DOC: Denominazione di Origine Controllata

Simile alla AOP francese, la DOC italiana detiene le denominazioni a rigorosi confini regionali e standard di qualità, anche se non così intricati e specifici alla DOCG. Gli esempi includono Bardolino, Valpolicella ed Etna.

IGT: Indicazione Geografica Tipica

Simile alla classificazione IGP della Francia, i vini IGT sono 'tipici' di una particolare regione. In generale, questi vini sono meno complessi dei vini DOC e sono pensati per essere consumati nella loro giovinezza, secondo i bevitori di tutti i giorni. Gli esempi includono Marche, delle Venezie e Modena.

Vino da Tavola: Table Wine

Lo standard di qualità più basso in Italia garantisce solo che il vino è stato prodotto in Italia. La maggior parte di queste bottiglie rimane all'interno del paese e sono simili al 'vino della casa'.

Spagna

Vino di pagamento: denominazione di pagamento

Designato per singoli vigneti stimati, questo è il livello di classificazione più alto in assoluto in Spagna. Solo 15 proprietà detengono questo status.

DOCa / DOQ: Denominazione di origine qualificata / qualificata

Al pari della DOCG italiana, solo due denominazioni in tutta la Spagna detengono questa ambita classificazione: Priorat e Rioja.

DO: Denominazione di Origine

Analogamente alla AOP francese e alla DOC italiana, standard rigorosi regolano i confini geografici e di qualità. Circa due terzi dei vigneti spagnoli rientrano in questa categoria. Gli esempi sono Ruota , Jumilla e Penedes.

VCIG: Vini di Qualità a Indicazione Geografica

Questa classificazione unica esiste come un trampolino di lancio tra VdlT e DOC. Le denominazioni possono richiedere lo status di DOC dopo cinque anni di esistenza in questa classifica.

VdlT: Vino della Terra

Equivalenti a IGP / IGT, queste classificazioni regionali hanno regole più ampie per quanto riguarda i confini geografici. Ne sono un esempio l'Andalusia e la Castilla y Leon.

Vino da tavola: vino da tavola

Vigneti non classificati con disciplinari liberi di assemblaggio e vinificazione.

stati Uniti

AVA: American Viticultural Area

A differenza dei sistemi di classificazione europei, Il sistema di classificazione americano è molto più ampio Inoltre, con meno attenzione alla qualità e maggiore attenzione alle restrizioni geografiche, l'85% delle uve deve provenire da un AVA designato per riportare detto AVA sulla sua etichetta. Creato nel 1980, ora ci sono oltre 230 AVA negli Stati Uniti. Gli esempi includono North Coast, Willamette Valley e Columbia Valley.

Sub-AVA: Area viticola subamericana

AVA più piccoli situati all'interno di AVA regionali più grandi sebbene non ufficialmente, i vini di qualità superiore tendono a provenire da sotto-denominazioni. Gli esempi includono: Napa, Dundee Hills e Yakima Valley.

California

Gli Stati Uniti hanno due denominazioni di vino: AVA e sub-AVA.

Germania

La Germania è suddivisa in 13 Anbaugebiete (regioni vinicole), seguita da Bereiche (distretti), Großlage (raccolta di vigneti) ed Einzellage (vigneto singolo). All'interno di queste divisioni, i vini sono suddivisi in base alla qualità e alla maturità utilizzando questi descrittori:

Prädikatswein: Vino di qualità superiore

Più di un sistema di classificazione che di denominazione, questo significa vini provenienti da denominazioni designate, ulteriormente suddivise per maturità. I vini di questa categoria hanno livelli minimi di alcol e maturità e non possono essere zuccherati. All'interno della categoria Prädikatswein, le sottocategorie includono Kabinett, Spätlese, Auslese, Beerenauslese, Trockenbeerenauslese ed Eiswein.

QbA: vino di qualità proveniente da zone di coltivazione specifiche

Questi vini provengono da una delle 13 regioni vinicole designate in Germania.

Landwein: vino di campagna

Paragonabili ai vini da tavola, questi sono prodotti in grandi aree geografiche e generalmente non vengono esportati.

Vino da tavola: vino da tavola

Tipicamente miscelato, non molto regolamentato e difficilmente visto al di fuori dei confini tedeschi.

Austria

L'Austria è suddivisa in quattro principali regioni geografiche (Bassa Austria, Burgenland, Vienna e Stiria), che sono poi sottoclassificate in 16 distretti. I vini sono classificati in base alla qualità e alla maturità come segue:

Prädikatswein

Analogamente alla categoria Prädikatswein della Germania, le sottoclassificazioni includono Spätlese, Auslese, Beerenauslese, Eiswein, Schilfwein, Trockenbeerenauslese e Ausbruch.

Consiglio dei ministri

Una sottocategoria di Qualitätswein, lo zuccheraggio non è consentito per questi vini e i livelli massimi di zucchero e alcol sono regolamentati.

Vino di qualità

Le regioni in crescita devono essere designate e lo zuccheraggio è consentito ma regolamentato.

Landwein

Simile al 'vino della casa', questo è il vino da tavola con origini geografiche specifiche.

Vino da tavola

È ammesso vino da tavola quasi senza zuccheraggio regolamentare.

Portogallo

DOC: Denominazione di Origine Controllata

Equivalente alla DOC spagnola, questa classificazione include norme rigorose per varietà di uva, resa e confini geografici. I vini devono essere analizzati da un professionista prima dell'imbottigliamento. Gli esempi includono Douro, Madeira e Vino verde .

VR: vino regionale

Equivalenti a IGP / IGT, questi vini sono classificati per posizione geografica all'interno delle 14 regioni vinicole del paese. La qualità è regolamentata. Esempi sono Minho e Lisboa.

Vino da tavola: vino da tavola

L'unica qualifica per questo vino da tavola di base è che è prodotto in Portogallo.

Grecia

DOP: Denominazione di Origine Protetta

Simile alla designazione AOP francese, con anche il contesto storico preso in considerazione. Le rese, le varietà e le zone sono tutte etichette regolamentate e descrittive in modo complesso. Gli esempi includono Goumenissa, Lemnos e Santorini.

IGP: indicazione geografica protetta

Visto come vini locali e tradizionali, l'IGP è ulteriormente suddiviso in tre categorie: IGP regionale, Distretto IGP e Area IGP. Queste denominazioni hanno standard meno rigidi rispetto alla DOP, sebbene le varietà e le rese siano regolamentate. Gli esempi includono Macedonia, Cicladi e Halkidiki.

Argentina

DOC: Denominazione di Origine Qualificata

Simile alla designazione francese AOP, solo due denominazioni argentine detengono questa rinomata classificazione: San Rafael e Lujan de Cuyo, entrambe situate a Mendoza.

IG: indicazione geografica

Simili alle classificazioni IGP della Francia e IGT dell'Italia, questi confini regionali sono più focalizzati geograficamente che sulla qualità, anche se recentemente la situazione è cambiata. Gli esempi includono Paraje Altamira e La Consulta.

Sud Africa

WO: vino di origine

Creato nel 1973, il sistema WO è suddiviso in quattro categorie: unità geografiche, regioni, distretti e reparti. Il sistema WO si concentra più sulla precisione dell'etichetta che sui dettagli di vinificazione. Gli esempi includono Western Cape (unità geografica), Constantia (regione), Walker Bay (distretto) e Devon Valley (rione).

Sud Africa

I vini di origine sudafricani (WO) sono suddivisi per geografia.